Ansia da Approccio: Cos’è e Come Superarla

 

Oggi parliamo di un argomento tanto discusso quanto (purtroppo) temuto, in particolare dalle persone che hanno deciso di calarsi e intraprendere il lungo ed appagante percorso nel mondo della seduzione con i nostri corsi, da poco tempo; uno dei primi ostacoli contro cui ci imbattiamo non appena il nostro sguardo incrocia la figura di una ragazza che ci attira:

La tanto citata e spaventosa ANSIA D’APPROCCIO.

Perchè siamo succubi di questa paura, tra l’altro, sempre più amplificata con lo svilupparsi della società?

Il fatto è che siamo stati abituati, sin da piccoli, a registrare insegnamenti sbagliati da parte del mondo che ci circonda, per i quali agire in un determinato modo ci avrebbe portato a determinate (sgradevoli) conseguenze.

La nostra ansia d’approccio deriva proprio dalla concezione mentale che tali conseguenze possano davvero accadere, nella realtà di tutti i giorni. Anche quando la percentuale di avvenimento di queste risulta essere estremamente bassa, se non nulla.

Il motivo principale per cui titubiamo, quando arriva il momento di dover approcciare una ragazza è proprio il giudizio altrui con le relative (immaginarie) conseguenze.

Quante volte abbiamo immaginato una ragazza che, fermata in mezzo alla strada, inizia ad urlare all’impazzata scambiandoci per maniaci?

Quante volte ci siamo immaginati la stessa ragazza sfotterci pubblicamente per l’aver azzardato ad approcciarla?

Quante volte ci siamo preoccupati del pensiero che le persone intorno a noi avrebbero avuto sentendoci pronunciare l’opener?

Quante volte abbiamo temuto la derisione pubblica nel mezzo di un locale, andando a conoscere un paio di ragazze?

Potrei continuare all’infinito, perchè queste paure vengono fuori molto spesso quando si inizia a fare pratica nei nostri Corsi di Seduzione.

La risposta, ragazzi, è che la nostra mente può benissimo essere considerata un’arma a doppio taglio.

Se non stiamo bene attenti ad impugnarla dal verso giusto, rischiamo di squarciarci la mano!

Impara la Mentalità del Seduttore, per conquistare TUTTI in modo naturale ed efficiente

Scarica i capitoli gratuiti del libro " Mentalità e Seduzione "




Tutte queste paure e timori delle conseguenze del giudizio altrui, sono infondate!

Tradotto dall’Aramaico?

Sono seghe mentali allo stato puro.

Non c’è nulla di più persuasivo della nostra mente e, proprio in base a questo dato, spesso rischiamo di essere succubi di proiezioni mentali che andranno ad alterare la realtà.

Se dovessimo, infatti, attenerci alle esperienze vissute (da noi o conoscenti) potremmo benissimo constatare che non è mai successo nulla.

Tanto meno di pericoloso o grave nell’andare a parlare con una ragazza, con l’intento di conoscerla!

Nessuna ha mai urlato all’impazzata, nessuna ha mai sfottuto in mezzo alla strada un ragazzo “coraggioso”… e le persone intorno?

Hanno sempre continuato ad andare avanti, per la loro strada, non curanti di ciò che stava accadendo a due metri da loro.

Ciò che spesso ci rende schiavi dell’ansia d’approccio sono le proiezioni mentali negative che si formano nella nostra testa, al momento dell’azione.
Quello di cui veramente necessitiamo, per abbattere le nostre ansie più nascoste, invece, sono delle vere e proprie proiezioni mentali realiste. Nessuno è mai morto/ stato ferito/ deriso per aver approcciato una ragazza, con l’intento di conoscerla.

Iniziamo a vederla sotto questa ottica: quella della realtà.

Volendo essere più specifici nei ruoli?

Prendiamo ad esempio una ragazza che sta passeggiando per strada, immersa nei suoi pensieri e routine quotidiana. Arriviamo noi, la fermiamo e diciamo che l’abbiamo notata e che siamo interessati a conoscerla.

Conosci, Seduci, Conquista le donne che desideri. Scopri gratis il manuale per cominciare il tuo percorso seduttivo

Scarica i capitoli gratuiti del libro " Mentalità e Seduzione "




Cosa c’è di più intrigante, interessante e fuori dalla (noiosa) routine di tutti i giorni, di un ragazzo che si palesa in questo modo?

Per quale assurdo motivo dovrebbe pensare ad un qualcosa di “sbagliato”?

Al più, se timida, tarderà nelle risposte… se di fretta, tirerà dritto per la sua strada (o ci proverà ;))… fine.

Non facciamo nulla di sbagliato, nell’esprimere il nostro interesse, nel voler conoscere qualcuno… e perchè piace? Perchè, al giorno d’oggi, non lo fa più nessuno.

Vediamola, ora, sotto la nostra prospettiva.

Usciamo di casa e vediamo una ragazza che ci intriga parecchio passare sotto i portici del centro città. Perchè mai non dovremmo farci avanti ed approcciarla?

Il mondo è pieno di sognatori ad occhi aperti: persone che si lamentano della vita che fa schifo, delle occasioni migliori, che capitano sempre agli altri. Si lamentano del fatto che, se soltanto avessero avuto quell’opportunità/botta di culo/karma orientato dalla loro parte, probabilmente adesso sarebbero appagati e soddisfatti. Magari con la donna della loro vita al fianco.

Noi dobbiamo farci avanti ed approcciare quella ragazza proprio in relazione alla nostra vita, che non fa schifo! Ma è appagante (o comunque agiamo per renderla tale!). Dobbiamo farci avanti ed approcciarla perchè, noi le occasioni le cogliamo, se capitano e, soprattutto, le creiamo! Dobbiamo farci avanti ed approcciarla perchè, quel tipino tutto pepe, in jeans stretto e dallo sguardo perso puo’ benissimo rappresentare un tassello di emozioni in più, nel vastissimo ed affascinante mosaico che è già la nostra vita!

Quando prendiamo la decisione di andare ad approcciare una ragazza, si aprono due possibili risvolti: succede tutto; non succede niente.
Se non accade nulla, la nostra situazione resta invariata. Possiamo procedere con tutti gli altri interessi che caratterizzano le nostre giornate…

Ma se succede tutto abbiamo solo di che guadagnarci, specie in esperienza.

Non ha minimamente senso esitare e titubare. Quello lo lasciamo ai sognatori ad occhi aperti e al gentil sesso ;).
Detto questo, vorrei fare luce su una parola che ho riportato più volte, nel corso di questo articolo: “conoscere”.
E’ qui, la chiave d’abbattimento dell’ansia d’approccio: la conoscenza.
Se agiremo in base a questo fattore, man mano che approcceremo, saremo in grado di entrare nel giusto Frame mentale, tranquillo e rilassato.
La nostra impostazione mentale fa da sovrana, in questo ambito. Gran parte delle persone che si buttano nel mondo della seduzione (ma anche i comuni profani), agiscono nell’approccio con il solo scopo di portarsi a letto un paio di chiappe o di tette.

Ricordiamoci sempre che abbiamo un VALORE.

Dal momento in cui siamo mossi ad agire esclusivamente in base al nostro istinto primordiale, lo abbassiamo favorendo l’innalzamento del valore della ragazza che abbiamo di fronte.

Tutti agiscono in base agli istinti e, puntualmente, ne rimangono succubi.

Chi abbiamo di fronte non percepisce un valore alto, nei confronti di chi è come tutti gli altri, perchè sa di poterlo avere facilmente.

Da qui deriva anche la nostra ansia d’approccio, che si palesa nel momento in cui apriamo con l’aspettativa di portarci a letto la diretta interessata.
Iniziamo a vedere la situazione sotto la corretta prospettiva.

La nostra vita è interessante e, la ragazza che ci ha dato nell’occhio potrebbe essere un ulteriore valore aggiunto, poichè a livello estetico è intrigante…

Ma noi non ci accontentiamo dell’estetica e vogliamo goderci anche l’essenza di una persona: andiamo a conoscerla e valutare se fà o meno, al caso nostro.

Il Focus è spostato su un qualcosa di molto meno superfluo e scontato della generica fisicità di un individuo: il suo valore.
Siamo dei datori di lavoro che stanno valutando dei possibili candidati durante un colloquio. A noi non basta il sorriso smagliante e il vestito scollato, ma ci serve anche il curriculum. Ovviamente agiremo con le calibrazioni dovute, in base a chi avremo di fronte, cosa che acquisiremo con l’esperienza.

Fa tua la mentalità solida di Henry. Inizia subito a conoscere e sedurre donne e uomini liberando tutto il tuo potenziale

Scarica i capitoli gratuiti del libro " Mentalità e Seduzione "




Ecco che qui, la nostra ansia d’approccio svanisce e, approcciare una ragazza, in un qualsiasi contesto diventa un’opportunità per incrementare (ulteriormente) l’appagamento della nostra esistenza.

Un’ultima componente che ci permetterà di eliminare totalmente questa fobia è, senza ombra di dubbio, LA COSTANZA.

Non riusciremo mai ad abbattere una barriera senza esperienza sul campo: senza esitare, agire in ogni situazione; più approcceremo e più ci sarà semplice sviluppare la corretta mentalità e, di conseguenza, distruggere l’ansia.

A lungo andare agiremo in maniera totalmente tranquilla, sviluppando un ulteriore elemento, fondamentale nel nostro Frame: la sfida.

Quando non ci sarà più ansia, o comunque presente in quantità decisamente inferiore, rispetto i primi momenti, diventerà automatico abbattere anche le più piccole titubanze. Basterà il solo atteggiamento mentale della sfida: la vedo – mi interessa – vediamo se riesce a tenermi testa.

Un passo alla volta: arriveremo anche a questo.

Restiamo, per ora, sul conoscere chi abbiamo di fronte… e sul farlo il più spesso possibile, per aumentare le possibilità di situazioni intriganti, nel nostro percorso: più esperienze faremo, più saremo ricchi di nozioni e meglio agiremo nelle circostanze future, sfruttandole al meglio e godendocele appieno.

Vi auguro buon Game e buon divertimento!

 

Un abbraccio,
Lo Staff di IN Attraction

 

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti/eventi che ti formeranno nell’ambito della Crescita Personale e della Seduzione, allora seguici sulla nostra pagina facebook IN Attraction e sulla pagina ufficiale del nostro fondatore/istruttore Henry (che si occupa in prima persona dei nostri corsi di seduzione).

Se non AGISCI non cambia nulla!

ULTIMO POSTO per il Bootcamp di Seduzione a Bologna, 17/18 Ottobre 2020.

Scopri Ora
Apri Chat
1
Bisogno di aiuto?
Ciao,
come possiamo aiutarti?