Come sentirsi belleMolto raramente mi è capitato di incontrare donne che si ritenessero belle e, di queste, ho il netto sospetto che alcune mentissero e cioè esternassero di apprezzarsi, ma in realtà non fosse così. Nella mia esperienza quindi, ma anche leggendo qua e là, non è facile trovare donne che si considerino davvero belle.

Se questo da un lato può essere un fattore non negativo, poiché porta a desiderare di migliorarsi ogni giorno, dall’altro può creare un sacco di guai per quello che riguarda l’autostima, i rapporti con gli altri ecc… e molto spesso questo accade per il fatto che una donna nota quasi solo i suoi difetti o quelli che ritiene tali, ritenendosi anche bruttina o, peggio, insignificante se non proprio categoricamente brutta.

E difficilmente si rende conto che il mondo può pensarla in modo assolutamente opposto.

Prima cosa da realizzare: il fatto che tu ti veda brutta o non ti riesca a sentire bella, non vuol dire che il resto del mondo la pensi come te. Prova a porre attenzione su questo dettaglio.

Ma siamo sicuri che per essere belle ci si debba anche sentire belle?

O prima ci si debba sentire belle e poi si possa finalmente venir percepite come tali?

Certamente una ragazza a posto con sé stessa, soddisfatta della propria vita è possibile che non veda i propri difetti, o quelli che ritiene tali, come così terribili e insormontabili.

Sentirsi belle: come aumentare l’autostima

Sentirsi belle come aumentare l'autostimaQuindi è chiaro: una ragazza o una donna soddisfatta di sé stessa e della sua vita è e appare più bella e interessante.

Il guaio è che, con buona pace di chi vede il progresso tecnologico andare di pari passo con quello umano e sociale, è sempre più difficile trovare persone soddisfatte.

Anzi, l’insoddisfazione serpeggia sempre di più.

E abbiamo molto di più, molte più possibilità di chi ci ha preceduto. Eppure…

Non è questa la sede per fare analisi sociologiche, ma solo il posto giusto per stimolare qualche riflessione.

Banalità 1: ciò che abbiamo o avremo non ci regalerà né felicità, né più di tanta soddisfazione, nonostante tutte le pubblicità di questo mondo.

Banalità 2: per cercare di raggiungere le cose di cui sopra bisognerà fare altro e magari passare dal cercare di avere tutto al cercare d’essere qualcosa, al costruire qualcosa, per noi stessi e, soprattutto, per qualcuno.

Forse le radici della crescente insoddisfazione, che poi però si arricchiscono di tante altre motivazioni, si trovano nelle due banalità espresse.

Forse banalità più grandi sarebbe difficile scovarle, ma tieni sempre presente che le insidie più subdole vengono dalle banalità, dalle cose già dette e che sembrano assodate. E quindi val la pena soffermarci su di esse.

Inizia a soffermarti su te stessa, non su come apparire, su che accessorio all’ultima moda potresti comprare o sul cantantino che ascoltano tutte e che se non ascolti non sei nessuno. Tu sei la tua priorità adesso.

Sei soddisfatta della tua vita e di te stessa? Rispondo io per te: quasi sicuramente no. È umano, è normale.

E fino a un certo punto è anche un bene: se così non fosse, probabilmente vivremmo ancora nelle caverne.

Impara la Mentalità del Seduttore, per conquistare TUTTI in modo naturale ed efficiente

Scarica i capitoli gratuiti del libro " Mentalità e Seduzione "

La domanda che ti devi porre è: cosa posso fare per sentirmi un po’più soddisfatta? Realizzarmi un po’ di più. Non sto parlando di cotonarsi l’ego spettegolando con le tue amiche (che ci può stare benissimo, ma ci serve poco in questo ambito).

Sto parlando di guardarti allo specchio e dire con un accenno di sorriso: “Però…”

Scopri anche come aumentare l’autostima e creare attrazione.

Come sentirsi belle e sicure di sé

Come sentirsi belle e sicure di séOggi come oggi sembra che la bellezza sia un po’ la chiave per la felicità. Sarà proprio così?

E sarà conformandosi ai soliti stereotipi imperanti che raggiungerai se non proprio la felicità, almeno la soddisfazione?

No. O forse sì, ma sarà un caso e comunque durerà poco.

Ti sarai solo omologata: da una parte sarai una particella indistinta, governabile e guidabile esattamente dove il mondo vuole, dall’altra sarai pronta consumatrice di prodotti di bellezza che si fa i selfie in bagno. Mentre dei massimi sistemi ci frega poco e comunque qualche prodotto per prenderti cura di te stessa dovrai pure acquistarlo, l’obiettivo è sentirsi bene e iniziare a percepire che sei bella.

Come sempre, per capire dove stia la questione bisogna aver voglia di chiedersi il perché della tua insoddisfazione di fondo. Quella che ti impedisce di sentirti bella così come sei. Il problema non è il naso fatto così o cosà o la fronte troppo ampia oppure le orecchie che non ti piacciono. Il problema è che c’è qualcosa che ti fa percepire determinate tue caratteristiche come negative.

La domanda che bisogna sempre farsi è: perché? A parte casi per fortuna rari che necessitano di supporto da parte di professionisti, il nocciolo è tutto lì.

Ma ci si può sempre aiutare, quand’anche non riuscissi a identificare una motivazione esatta e ti ci andasse un po’ di tempo.

  • Coltivare positività A fronte di un’insoddisfazione crescente che è palpabile, tu inizia a coltivare pensieri positivi. Riempi la tua vita e la tua mente di cose belle. All’inizio sarà uno sforzo non da poco, specie se sei tra quelle ragazze, non rare, che per forza devono vedere tutto nero (e possibilmente scaricare la negatività sugli altri). Inizia a notare gli aspetti positivi, i dettagli che ti strappano un sorriso, perché anche guardando una casa abbandonata e in rovina, magari puoi trovare dei bei fiori che crescono incuranti dello spettacolo di sfacelo circostante. Che tu ci creda o no è un allenamento vero e proprio, e così come se fossi in sovrappeso e volessi anche solo iniziare a correre farai moltissima fatica, così non sarà indifferente lo sforzo iniziale a isolare dettagli positivi nelle situazioni normali e poi in quelle non proprio favorevoli. Certamente ti sembrerà inutile e stupido, visto quanto fango c’è nel mondo. E, altra banalità, il mondo è pieno di fango. È vero.

Ti faccio una domanda allora: è inutile e stupido cercare di migliorare la tua situazione? Se la risposta è ‘sì’, puoi anche smettere di leggere.

  • Orientamento Una volta che avrai imparato a isolare dettagli, parole e aspetti positivi ti diventerà via via più facile notarli. Questo perché il tuo allenamento sta iniziando a dare i suoi frutti. Se continuerai a muovere la tua attenzione verso ciò che è positivo, ti accorgerai che inizierai a notare meno i dettagli negativi fino ad arrivare a ignorarli. Li percepirai sempre, ma se non sono di primaria importanza li lascerai perdere. Esattamente come facevi tempo fa con chi magari ti diceva: “Bel vestito”, che quasi ti sembrava una presa in giro. Ti sei allenata a porre più attenzione ai dettagli positivi. La tua mente, che ormai è sensibile al ‘magnetismo’ della positività nel suo senso più ampio, esattamente come l’ago della bussola, si sta muovendo e sta cercando il nord.

No, non è la ricetta per la felicità, perché ciò che ti poneva davanti la vita è simile a quel che avevi prima, solo ora ti stai disintossicando e stai orientando la tua mente. E non è poco.

Ma c’è di più, si dice: “Sorridi alla vita e lei ti sorriderà”. Avrai ben capito che qui siamo alla fiera delle banalità, ma in questo detto c’è così tanta verità che nessuno o quasi lo segue. Forse perché a volte è tutt’altro che facile, ma mantenere sempre un atteggiamento positivo farà in modo di attirare positività su di te e disarmerà, almeno in parte gli eventi negativi. Ovvio che una persona positiva attira persone simili spesso e volentieri e, vero miracolo, respinge le persone negative.

C’è chi dice che un atteggiamento positivo attragga anche positività in generale. Di sicuro la vita per una persona entusiasta, positiva e, per quanto soddisfatta, comunque sempre protesa al futuro è più gradevole che per un pessimista convinto, che ricaverà solo veleno dalla sua esistenza. Prova e poi fammi sapere.

C’è chi dice che il talento, nel suo senso più ampio e generale, è questione di fortuna e chi invece che la fortuna è questione di talento. Prova e poi fammi sapere.

Come sentirsi belle con gli occhiali

Come sentirsi belle con gli occhialiGli occhiali, questi terribili oggetti. Io, miope, ho avuto davvero un rifiuto assurdo per questo genere di cose e, piuttosto che metterli, provai perfino le lenti a contatto, perché non vedevo davvero nulla. E invece un paio d’occhiali con la montatura giusta, sono in grado di rendere un volto perfino più interessante.

Non ci credi vero? Eppure è proprio così.

Quindi se sei come me che alla lavagna non vedi nulla e non saluti le persone per strada perché non puoi riconoscerle, evita di prenderti magari dei brutti voti o di risultare antipatica senza volerlo.

Conosci, Seduci, Conquista le donne che desideri. Scopri gratis il manuale per cominciare il tuo percorso seduttivo

Scarica i capitoli gratuiti del libro " Mentalità e Seduzione "

Prenditi un’amica o un amico che ti dica le cose come stanno e scegli la montatura migliore. Non è detto che sia quella che ti piaccia di più, ti serve quella che ti stia meglio.

Ti assicuro che con la montatura giusta non sarai peggio, ma potresti addirittura guadagnare qualcosa.

Se qualcuno che evidentemente di meglio da fare non ha, dovesse prenderti in giro, il dito medio potrebbe essere una soluzione. Non sono un grande fan delle volgarità in genere, ma a volte non riesco a farne a meno.

Nota importante: gli occhiali non si comprano a risparmio: scegli la montatura giusta per te del materiale più duraturo (e leggero) che esista compatibilmente con la tua scelta, generalmente si usa il titanio.

Idem per le lenti: scegli le migliori che ti puoi permettere che siano più sottili possibili, compatibilmente con il tuo deficit visivo. Questo per motivazioni estetiche, ma anche di leggerezza.

Con gli occhi non si scherza. Se proprio devi risparmiare, fallo sulla montatura.

Sentirti seducente anche con i brufoli

Sentirti seducente anche con i brufoliL’acne è un bel problema, e bisogna prendersene cura, perché potrebbe anche lasciare dei segni sulla pelle. Un tempo era vissuta quasi con vergogna e chi ne soffriva era sistematicamente preso di mira. Oggi le cose vanno un po’meglio, e per quanto esistano communities che mostrano con orgoglio la pelle butterata, resta comunque un aspetto di cui prendersi cura.

I più, e io sono tra questi, percepiscono come queste cose come un evento del tutto naturale, dovuto, vuoi allo sviluppo vuoi a condizioni particolari fisiche o a volte psicologiche, ma facente parte degli eventi non proprio da celebrare o mostrare al mondo con orgoglio.

E quindi, per quanto non si tratti certo di una malattia e viverla come tale è sbagliato, bisogna porci attenzione.

Esistono molti preparati che aiutano a contenere le eruzioni cutanee, ma, come si diceva un tempo: ‘prevenire è meglio che curare’. Nel capitoletto successivo, dedicato alla bellezza senza trucco, troverai molti consigli validi anche per creare almeno condizioni sfavorevoli all’insorgenza delle eruzioni cutanee.

Laddove invece si abbia un’insorgenza consistente l’aiuto di un dermatologo è assolutamente raccomandabile.

La psoriasi, che colpisce in molti modi e può anche manifestarsi con macchie ed eruzioni cutanee di tipo variegato, è a tutti gli effetti una patologia. Un supporto medico integrato, poiché non è solo una malattia della pelle, è assolutamente indispensabile. Qui non ci spingeremo oltre.

Detto questo uno o più brufoli li hanno avuti tutti, non me ne farei un problema, me ne fregherei e vivrei la mia vita. Ti fa star meglio coprirla con qualche preparato apposito o con un po’di trucco? Va benissimo, purchè il trucco non generi ulteriore irritazione alla pelle in quella zona. Rimuovi sempre il trucco con attenzione perché potrebbe andare a intasare i pori e quindi determinare l’insorgenza di brufoli o peggiorare quelli in essere.

Seducenti anche senza trucco

Seducenti anche senza truccoPosso dirla tutta? Non mi piace il trucco, a meno che non sia davvero appena accennato. I ceroni sono fuori moda da un secolo, i rossetti grassocci (che ti si spalmano addosso) lo sono altrettanto. E, aggiungo, per fortuna.

Forse sono soltanto gusti miei e quindi ci saranno uomini che apprezzano i trucchi anche pesanti, ma io davvero no.

Ci sono però donne che, senza un trucco da far concorrenza ai truccatori televisivi, o all’avanspettacolo teatrale, non mettono il naso fuori di casa. Comunque nessuno dovrà mai vederle senza. Ricordo bene la migliore amica di una mia ragazza che era in serio problema a passare la notte con un mio amico: come avrebbe potuto mantenere il trucco la notte? Già perché lui l’avrebbe vista la sera, la notte (con attività a discrezione), ma soprattutto la mattina appena sveglia. Come si risolse? Lei restò sveglia fino a che lui non si addormentò e si mise la sveglia prestissimo in modo da potersi truccare a dovere prima che lui si svegliasse. Lascio a voi i commenti, aggiungo che questa ragazza era tutt’altro che brutta, ma evidentemente si sentiva tale o piena di difetti, tali che solo un pesante trucco poteva nascondere.

Ci restai un po’ male per lei quando la mia ragazza me lo raccontò, mentre il mio amico che aveva capito tutto, visto che quando si svegliò se la trovò già ‘apparecchiata’, bollò il tutto come atteggiamento bizzarro e assolutamente inutile.

Come comportarci per avere una bellezza naturale o anche ‘acqua e sapone’?

Per prima cosa dovrai stabilire che tipo di pelle tu abbia: secca, normale, grassa o sensibile. Vediamole brevemente:

  • Pelle secca Tende a irritarsi facilmente, la carnagione pare irregolare e può presentare macchie. La desquamazione è un evento piuttosto frequente.
  • Pelle normale Presenta poche imperfezioni, è poco soggetta a brufoli, non è troppo sensibile.
  • Pelle grassa Presenta poche imperfezioni, appare sempre piuttosto lucida e potrebbe essere soggetta a brufoli.
  • Pelle sensibile Tende a irritarsi e seccarsi facilmente, altrettanto sono comuni gli arrossamenti.

La cura della pelle è fondamentale sia che tu voglia fare a meno del trucco, sia che tu voglia utilizzarlo e quindi l’individuazione del corretto genere di pelle è il primo passo. Ad esempio una pelle sensibile andrà lavata non troppo di frequente, invece una grassa ti concederà di esser lavata anche più volte al giorno, specialmente dopo l’attività fisica.

Tieni la pelle pulita: i pori devono essere liberi, se si dovessero ostruire con sporco o sudore o una miscela di entrambi è facile assistere a eruzioni cutanee.

Dopo aver individuato il genere di pelle che hai, utilizza prodotti indicati per la cura. Se non riesci a capire che pelle hai o non trovi prodotti soddisfacenti, un dermatologo potrà certamente aiutarti.

Usa la crema idratante specifica per il tuo genere di pelle e non dimenticarti del tonico, anch’esso specifico per le tue caratteristiche.

Prenditi cura della tua pelle anche per quello che riguarda l’abbronzatura. Visto che non userai trucco o comunque lo limiterai molto, una buona abbronzatura ti darà un aspetto migliore. La carnagione apparirà più uniforme e luminosa. Non lesinare mai sulla crema solare che deve essere pensata per la propria pelle.

Lascia stare le lampade e prediligi la luce naturale. L’abbronzatura può esser presa anche quando non sei al mare o in alta montagna. Una protezione limitata ti aiuterà a prendere in sicurezza un bel colorito anche durante una passeggiata nel parco o in centro.

Usa lo smalto: visto che la tua bellezza sarà naturale, potrai giovarti di un po’ di colore. Va anche benissimo, anzi, forse anche meglio vista la tua scelta, uno smalto solo lucido. Manicure e pedicure professionali sono sempre un punto a favore.

Esfoliazione

Conosciuta anche come ‘scrub’, è la rimozione della parte più superficiale dell’epidermide. Questa favorisce l’ossigenazione e la rigenerazione cellulare oltre che una pulizia profonda dell’epidermide. La pelle risulta più luminosa e di aspetto uniforme.

Se hai una pelle secca dovrai stare attenta a non creare irritazioni, se invece hai una pelle grassa potrai permetterti una sessione anche due volte alla settimana.

Cerca sempre di scegliere prodotti naturali. Lascia stare, possibilmente, quelli chimici.

Cura la tua idratazione. È un consiglio valido in maniera universale: l’idratazione è fondamentale, ma oggi ci si pone poca attenzione. Oltre agli ovvi effetti benefici sulla salute, un’idratazione abbondante dona un aspetto luminoso alla tua pelle.

Fa tua la mentalità solida di Henry. Inizia subito a conoscere e sedurre donne e uomini liberando tutto il tuo potenziale

Scarica i capitoli gratuiti del libro " Mentalità e Seduzione "

Consigli per prendersi cura di sè e segreti per essere soddisfatta e vivere meglio

Consigli per prendersi cura di sè e segreti per essere soddisfatta e vivere meglioPrendersi cura di sé stesse è la base per rafforzare l’autostima. Ed è anche facile capirlo: si prende cura di ciò che si ama, di ciò che si ritiene prezioso. Se inizi a desiderare e esser contenta di prenderti cura di te stessa è un ottimo segnale.

Vediamo come potresti cominciare:

Prenditi cura dell’igiene personale

Continuiamo con le banalità: una persona sporca non è proprio l’ideale attrattivo che si possa avere, quindi inizia a prenderti cura di te dalla tua igiene personale. Fai la doccia ogni giorno e usa un detergente specifico per il tuo tipo di pelle. A meno che tu non abbia i capelli molto grassi, non lavarli ogni giorno, ma almeno ogni due giorni. Se li avessi aridi potrai dilatare un po’i tempi. La forfora è più di un inestetismo, usa uno shampo specifico.

Non dimenticarti del balsamo oltre lo shampo.

Usa un buon deodorante. È vero che fare la doccia ogni giorno aiuta parecchio, ma un deodorante è indispensabile. Anche qui: stai attenta se avessi una pelle delicata. Meglio evitare alluminio e parabeni.

Un buon profumo è sempre raccomandabile, purchè sia usato nella giusta quantità: non lasciare la scia chimica dietro di te, è una cosa che mette a disagio chi ti circonda.

Cura bene l’igiene orale. Una bocca con denti gialli o crema e ‘un alito agghiacciante tipo fogna di Calcutta’ del famoso film, di sicuro non è attraente. Usa oltre allo spazzolino anche il filo interdentale. Ti posso garantire che una scarsa igiene orale nel breve non ti rende certo attraente e nel lungo periodo ti costerà una fortuna dal dentista.

Non dimenticarti delle labbra: se è vero che hai deciso di mettere al bando i rossetti, potrai prendertene cura evitando screpolature: esfoliale dolcemente con uno spazzolino morbido. Idratale poi spesso con un burro di cacao.

Dormi! Non ci crederai, ma una abitudine che spesso si riscontra nelle persone che hanno avuto successo nei vari ambiti della vita è un sonno regolare e abbondante. Questo aiuterà il tuo corpo e la tua mente a essere sempre al meglio delle possibilità. Ogni persona ha le proprie necessità di ore di sonno, quindi dovrai trovare tu l’esatto fabbisogno di ore di sonno, ma non lesinare su questo aspetto.

Mangia cose sane. Inutile dire che una sana alimentazione non portà che giovare al tuo aspetto e ti farà stare bene e in salute. Un altro tassello nel prendersi cura di sé stesse. Abbiamo già trattato brevemente dell’idratazione: bevi molto, ciò aiuterà oltre che il tuo aspetto fisico, ma gioverà in maniera generale alla tua salute.

SE NON CAMBI TU, I TUOI RISULTATI NON CAMBIERANNO MAI!

ULTIMO BOOTCAMP DI SEDUZIONE 2021, JESOLO 6-7-8 AGOSTO - HENRY ISTRUTTORE - POSTI IN ESAURIMENTO

Scopri Ora